CONFESERCENTI CATANIA

Login

Utente

Password



Non ti sei ancora registrato?
Clicca qui per registrarti.

Non ricordi più la password?
Richiedine una nuova qui.

DIGITALIZZAZIONE

PAGINA FACEBOOK

CONFESERCENTI PEC

ARTIGIANCASSA POINT

Tesseramento 2017

Formazione

SPORTELLO INFORMATIVO FONTER

VIALE VITTORIO VENETO, 14 - CATANIA

Affiliati






Reti d’Imprese: stabiliti gli sgravi fiscali 2013

Confesercenti News
18/06/2013
Reti d’Imprese: stabiliti gli sgravi fiscali 2013


L'Agenzia delle Entrate ha fissato il bonus fiscale 2013 per le aziende che fanno parte di una rete d'impresa e reinvestono parte degli utili nel contratto di rete.

Il bonus per le reti di imprese applicabile nel 2013 è fissato nella misura massima dell’83,0423% (rapporto tra i 14 milioni di euro di fondi stanziati per l’anno e 16.858.862 richiesti delle aziende): lo comunica l’Agenzia delle Entrate con provvedimento del 14 giugno 2013, che definisce criteri e modalità dell’agevolazione.


Il beneficio consiste nella sospensione d’imposta della quota di utili d’esercizio destinata al fondo patrimoniale comune o al patrimonio destinato all’affare. Lo sgravio spetta alle aziende che aderiscono a un contratto di rete e riguarda il periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2012:


=>Leggi la Guida al Contratto di Rete


Si tratta dell’agevolazione prevista dal Dl 78/2010, convertito con la legge 122/2010, che all’articolo 42, comma 2: «vantaggi fiscali, amministrativi e finanziari» in favore delle aziende «appartenenti ad una delle reti di imprese riconosciute», con la «possibilità di stipulare convenzioni con l’BI, nei termini definiti con decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze».


La quota degli utili che non concorre alla formazione del reddito d’impresa non può, comunque, superare il limite di un milione di euro. Di seguito è possibile scaricare il modello di comunicazione sui dati del risparmio d’imposta (mod. RETI) e relative istruzioni, tramite cui l’Agenzia delle Entrate fissa i bonus:


Modello RetiIstruzioni di compilazione


Tramite il contratto di rete «più imprenditori perseguono lo scopo di accrescere, individualmente e collettivamente, la propria capacità innovativa e la propria competitività sul mercato, e a tal fine si obbligano, sulla base di un programma  comune di rete, a collaborare in forme e in ambiti predeterminati attinenti all’esercizio delle proprie imprese ovvero a scambiarsi informazioni o prestazioni di natura industriale, commerciale, tecnica o tecnologica, ovvero ancora ad esercitare in comune una o più attività rientranti nell’oggetto della propria impresa».


=>Leggi anche: RetImprese spiega l’evoluzione del contratto di rete


Il contratto può «prevedere l’istituzione di un fondo patrimoniale comune e la nomina di un organo comune» per gestire l’esecuzione del contratto o di singole parti o fasi dello stesso. Deve essere redatto per atto pubblico e rispettare una serie di requisiti .


=>Approfondisci la nuova disciplina per le reti d’impresa



Fonte: provvedimento Entrate 14 giugno 2013

CONFESERCENTI CATANIA


Confesercenti Catania, Viale Vittorio Veneto 14 - 95127 Catania - Tel. 095.388274
Tempo rendering: 0.08 secondi!
1,099,683 visite uniche