CONFESERCENTI CATANIA

Login

Utente

Password



Non ti sei ancora registrato?
Clicca qui per registrarti.

Non ricordi più la password?
Richiedine una nuova qui.

DIGITALIZZAZIONE

PAGINA FACEBOOK

CONFESERCENTI PEC

ARTIGIANCASSA POINT

Tesseramento 2017

Formazione

SPORTELLO INFORMATIVO FONTER

VIALE VITTORIO VENETO, 14 - CATANIA

Affiliati






ZTL: A CATANIA COMMERCIANTI IN AFFANNO

Confesercenti News11/07/2009 - Le limitazioni al traffico imposte con la Ztl stanno arrecando un serio danno economico alle attività economiche , che in alcuni casi rischiano la chiusura: a sostenerlo è la Confesercenti Catanese, che chiede all’amministrazione comunale un incontro urgente per apportare correttivi al provvedimento in vigore. Spinti dalle numerose telefonate e visite di imprenditori, con attività nel centro storico, che ci hanno esternato un forte disagio ed una forte preoccupazione per il futuro delle loro aziende e, conseguentemente, per i posti di lavoro dalle stesse garantita”.

“Consigliamo di fare un giro nei commercianti, negli artigiani, nei bar, nei ristoranti, - dichiara il Direttore Salvo Politino - per raccogliere direttamente gli umori della gente”. “Ciò che gli imprenditori hanno sempre sostenuto e ribadiscono anche in questa fase, è che si è proceduto alla chiusura del centro storico in modo drastico, senza che prima fossero create le condizioni per farlo. Il problema sta qui e non è un problema da poco. L'adozione di provvedimenti d’urgenza per le aree immediatamente a ridosso della Ztl, sono una chiara ed evidente conferma di azioni amministrative scarsamente programmate e non frutto di una visione progettuale complessiva, Per non parlare dell’annoso problema dei parcheggi.

“Le ordinanze di natura viabilistica – prosegue il Direttore della Confesercenti Catania Salvo Politino - stanno assumendo sempre più, in forma strisciante, la natura di provvedimenti di natura urbanistica. Limitare al traffico, come si è fatto, una vasta area quale quella del centro storico, significa scaricare tutto sulle zone ad esso più prossime, che a loro volta si congestionano. Conseguentemente il direzionale, il terziario di mercato sarà costretto, suo malgrado, a fare “armi e bagagli” e trasferirsi in altri siti”.

“L’amministrazione – per Confesercenti deve dire con chiarezza agli operatori, ma non solo a questi, che cosa vuol fare del centro storico. Questa è la responsabilità che si è assunta il Comune adottando un provvedimento giusto nei principi, ma sbagliato nei tempi e nei metodi, perché - lo ribadiamo - privo di supporti infrastrutturali”.

La Confesercenti suggerisce quindi alcuni provvedimenti per “limitare i danni”: modificare le fasce orarie di libero accesso di tutti i giorni, compreso il sabato e domenica; consentire agli autoveicoli di sostare nella Ztli; modificare la fascia oraria del carico e scarico delle merci; concedere maggiore tempo ai permessi di transito degli operatori commerciali.
“Così facendo – aggiunge il Direttore Politino - si potrà dare respiro all’economia che opera nella città antica. In caso contrario assisteremo, nel tempo, ad una lenta ma inesorabile moria di attività, con danno sociale ed economico che inciderà anche sulle stesse casse comunali e, soprattutto, sui valori immobiliari.

“Come mai la voce degli operatori viene poco ascoltata. Vogliamo ricordare che anche i commercianti e gli esercenti votano, così come i loro soci, collaboratori e dipendenti”. Infine, la richiesta di un incontro con l’amministrazione per discutere la delicata questione.

CONFESERCENTI CATANIA

Confesercenti Catania, Viale Vittorio Veneto 14 - 95127 Catania - Tel. 095.388274
Tempo rendering: 0.05 secondi!
1,101,735 visite uniche