CONFESERCENTI CATANIA

Login

Utente

Password



Non ti sei ancora registrato?
Clicca qui per registrarti.

Non ricordi più la password?
Richiedine una nuova qui.

DIGITALIZZAZIONE

PAGINA FACEBOOK

CONFESERCENTI PEC

ARTIGIANCASSA POINT

Tesseramento 2017

Formazione

SPORTELLO INFORMATIVO FONTER

VIALE VITTORIO VENETO, 14 - CATANIA

Affiliati






DURC

Confesercenti News
03/01/2013
IL TAR IMPONE DURC REGOLARE PER IMPRESE CON CREDITI PA


La sentenza del TAR di Bari che decreta l'obbligo di rilasciare DURC regolari in presenza di crediti con la PA almeno uguali al debito contributivo, come previsto dal Decreto Spending Review.
Il TAR impone il rilascio di DURC regolare alle imprese che vantano crediti con la PA: a confermare la compensazione con i debiti ai fini DURC è stata la prima sezione del TAR Puglia di Bari, decretando l’immediata rimozione di ogni impedimento al rilascio di regolare Documento Unico di regolarità Contributiva a fronte della presenza di crediti con la Pubblica Amministrazione.
La sentenza del TAR fa riferimento alla norma inserita nel decreto sulla Spending Review (Decreto legge n.52/2012 convertito con modifiche in legge n.94/2012), che prevede il rilascio del DURC in caso di crediti con la PA almeno uguali al debito contributivo:
DURC in compensazione
Il caso riguardava il ricorso presentato dall’azienda Avvenire s.r.l. contro INPS e INAIL per l’annullamento dei DURC irregolari rilasciati nei propri confronti da due diversi Comuni e del provvedimento INPS che nega la compensazione dei debiti. L’azienda ha anche chiesto il risarcimento di tutti i danni cagionati alla stessa a causa delle gravi ripercussioni economiche a carico sia dell’azienda che dei suoi dipendenti.
Secondo i magistrati della I^ sezione del TAR Puglia «rilevato che la previsione normativa di cui all’art. 13 bis, comma 5 decreto legge n. 52/2012 convertito, con modificazioni, nella legge n. 94/2012 (Decreto Spending Review n.d.r.) può ritenersi immediatamente operativa anche in mancanza di decreto ministeriale attuativo; considerato che, ad una sommaria delibazione propria della fase cautelare, il credito della società ricorrente verso i Comuni appare di importo superiore al suo debito verso gli Enti previdenziali; rilevato, inoltre, che sussiste il presupposto cautelare del periculum in mora, in considerazione delle difficoltà (i.e.impossibilità di pagare i propri lavoratori – Polemica a riguardo fra l’ex sindaco di Zapponeta e l’ex capogruppo dell’opposizione) cui andrebbe incontro la società Avvenire, a seguito dell’emissione di un DURC irregolare, nell’incassare i corrispettivi d’appalto; ritenuto, conseguentemente, che sussistono i presupposti per la concessione della misura cautelare richiesta».
Ritardo pagamenti: i nuovi obblighi
La sentenza è in linea con tutte le nuove norme in materia: pagamenti nelle transazioni commerciali in 30 giorni; certificazione del credito sempre in 30 giorni; compensazione tra crediti e debiti a ruolo. Il Governo ha infatti recepito la direttiva UE che impone per le transazioni commerciali il pagamento entro 30 giorni, pena l’applicazione di una maggiorazione (pari all’8%) del tasso degli interessi legali moratori rispetto al tasso fissato dalla BCE per le operazioni di rifinanziamento. In parallelo è anche stato approvato un decreto che impone alle PA la certificazione dei crediti sempre entro 30 giorni dalla presentazione dell’istanza. Infine, ha emanato due decreti per attuare la compensazione dei crediti con la PA con le somme a ruolo:
Vai al il DL di recepimento UE sui pagamenti in 30 giorni
Vai al Dl per la certificazione dei crediti PA in 30 giorni
Leggi i pro e contro della compensazione DURC con crediti PA

Combattere l’annoso problema del ritardo nei pagamenti dalla PA alle imprese, che spesso a causa dei mancati pagamenti non riescono a stare in regola con i versamenti contributivi e quindi ad ottenere un DURC regolare, è una delle priorità dell’attuale Governo (leggi tutto). Le imprese vantano nei confronti delle amministrazioni pubbliche oltre un miliardo di euro di crediti.

Fonte PMI.IT

CONFESERCENTI CATANIA


Confesercenti Catania, Viale Vittorio Veneto 14 - 95127 Catania - Tel. 095.388274
Tempo rendering: 0.06 secondi!
1,102,024 visite uniche