CONFESERCENTI CATANIA

Login

Utente

Password



Non ti sei ancora registrato?
Clicca qui per registrarti.

Non ricordi più la password?
Richiedine una nuova qui.

DIGITALIZZAZIONE

PAGINA FACEBOOK

CONFESERCENTI PEC

ARTIGIANCASSA POINT

Tesseramento 2017

Formazione

SPORTELLO INFORMATIVO FONTER

VIALE VITTORIO VENETO, 14 - CATANIA

Affiliati






PAGAMENTI PA IN 30 GIORNI: RECEPITA DIRETTIVA UE

Confesercenti News
26/11/2012
PAGAMENTI PA IN 30 GIORNI: RECEPITA DIRETTIVA UE


Recepita in Italia direttiva UE contro il ritardo nei pagamenti dalla PA: dal 2013, massimo 30 giorni per saldare le fatture di tutte le transazioni commerciali, anche tra imprese private, con solo poche eccezioni.

Dgls recepisce la direttiva UE sul ritardo nei pagamenti della PA

Niente più ritardi nei pagamenti dalla PA alle imprese: il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera al disegno di legge che recepisce la direttiva 2011/7/UE obbligando le Amministrazioni Pubbliche a pagare entro 30 giorni. Si tratta del D.Lgs. che attua la delega conferita al Governo con l’articolo 10 della legge n. 180 del 2011 (Statuto delle imprese):
Il Governo italiano ha recepito la direttiva UE sui ritardi nei pagamenti dalla PA in anticipo rispetto alla scadenza fissata dalla Commissione Europea per il 16 marzo 2013.
La nuova normativa entrerà in vigore dal 1° gennaio 2013, ovvero per tutti i contratti conclusi a partire da questa data, anche tra imprese private.
Il problema del ritardo nei pagamenti non riguarda solo il rapporto tra imprese e PA, ma anche i rapporti tra imprese stesse. La direttiva UE riguarda pertanto i tempi di pagamento per tutte le transazioni commerciali, fissandoli a 30 giorni, indipendentemente dal fatto che a pagare debba essere la PA o un’azienda privata.

Deroga a 60 giorni
Solo per la Sanità viene concessa una deroga ed i tempi per il pagamento saranno di 60 giorni invece dei 30 fissati dal decreto per tutte le altre PA, comunque molti meno rispetto ai 315 di media in Italia dove in alcuni casi si superano i mille giorni.
Tra privati la deroga a 60 giorni sarà ammessa solo giustificando tali tempistiche tramite un contratto scritto.
Viene inoltre stabilita, nel caso in cui si superi il limite dei 30 giorni, una maggiorazione del tasso degli interessi legali moratori (8% e non più 7%)rispetto al tasso fissato dalla BCE per le operazioni di rifinanziamento.
«L’Italia è il primo grande Paese europeo a dare attuazione alla direttiva. Il decreto legislativo è il frutto di una intensa attività di coordinamento del Ministro per gli Affari Europei con il Ministro co-proponente della Giustizia», ha comunicato il Governo in una nota stampa.

Fonte PMI.IT

CONFESERCENTI CATANIA


Confesercenti Catania, Viale Vittorio Veneto 14 - 95127 Catania - Tel. 095.388274
Tempo rendering: 0.07 secondi!
1,099,745 visite uniche